"E' da un po' che sono fuori di me e sono preoccupata perché non mi vedo ancora rientrare."

...


venerdì 15 gennaio 2010

Donne e fumetti



I fumetti sono una delle mie più grandi passioni, li amo da sempre, un amore instillato e coltivato, con pazienza da giardiniere inglese, da mio padre. E anche se, oggi come oggi, i nostri gusti non sempre collimano (la sua amatissima e preziosissima collezione di Tex Willer per me starebbe bene in un caminetto acceso) i fumetti sono sempre uno codice di comunicazione privilegiato fra noi e un caposaldo della nostra complicità (chiunque intendesse postare interpretazioni freudiane sul mio rapporto con mio padre, sappia che dopo anni e anni di analisi sarà difficile venirsene fuori con qualcosa di nuovo in proposito).
Spesso ho dovuto constatare amaramente, che per lo più il mio genere (nel senso di gender) non apprezza molto i fumetti e li giudica un passatempo infantile. Ora vorrei affermare la mia assoluta "sorellanza" e il mio enorme apprezzamento nei confronti delle donne, prima di dire che a volte possono essere di una tale pesante aridità da fare paura!!! Delle vere macchine per assicurare la sopravvivenza della specie, programmate per selezionare il maschio alfa (o the next best thing), riprodursi e prendersi cura della prole (il ché include assicurarsi che il maschio alfa non prenda il largo con una femmina più giovane), un vero percorso netto, fatto in apnea e senza passare dal via. E dopo il '68 sostanzialmente poco è cambiato, se non che si esibiscono in questa ancestrale pantomima con un po' più di confusione e senso di colpa ideologico, mimando sfrontatezza e indipendenza.
Personalmente sono un allegro grumo nel grande meccanismo della natura, non ho selezionato alcun maschio, né alfa né omega, non ho procreato (e continuo a pensare che con tanti orfani in giro, un bambino preferirei adottarlo) e godo di una serie di piccoli ed egoistici piaceri quotidiani, che chissà perché sembrano essere destinati quasi sempre solo agli uomini, fra cui gli intelligenti, provocatori, sognanti e sognatori fumetti. Perché sognare dovrebbe essere un lusso solo maschile? O meglio perché i sogni delle donne dovrebbero essere solo queli preconfezionati dai polpettoni TV e dai romanzi rosa?
Amiche donne sollecitate il vostro lato ironico, stralunato, grottesco, sexy, violento, buffo, cinico, avventuroso e anche infantile, leggete i fumetti! Esercitatevi a fare qualcosa di inutile e disordinato, qualcosa di egoistico e privo di scopo, qualcosa che non abbia la patente di arte o impegno! E scoprirete che dentro alcuni fumetti c'è più arte, impegno, sentimento e verità di quanto abbiate mai immaginato...

7 commenti:

  1. ma che bello! Una donna che oltre ad amare i fumetti, li crea anche...un vero piacere, ben venuta!

    RispondiElimina
  2. Cattivona che non sei altro... sei sempre disposta a prendertela con noi madri latine se ti dico che alcune di esse amano i fumetti e, anzi, soffrono non poco nel vedere che i figli (per definizione più giovani e da cui ci aspetteremmo più passione per questo genere "avventuroso e anche infantile") preferiscono leggersi "Twilight" che scoprire - cito i miei preferiti - Tin Tin, Dylan Dog, Julia, Valentina (in parte e certamente più da adulti) ma anche i 'tradizionali ' Peanuts, Mafalda ecc.... ???

    RispondiElimina
  3. Ma io non metto in dubbio che esistano alcune donne appassionate di fumetti, e pergiunta madri latine come dici tu, ma non puoi negare che la tendenza femminile sia quella che ho evidenziato io...e ciò che mi dici sui figli, non mi stupisce, non ti arrendere, lasciagli in bagno vicino al wc una pila di Peanuts, prima o poi qualcosa di buono succede..;-)
    Ps A me mio padre mi ha sottoposto a dosi massive di fumetti, mi leggeva i Topolini quando ancora non sapevo leggere, un vero lavaggio del cervello!!

    RispondiElimina
  4. Quanto al signor Franco e al suo rapporto con essolui... gli ho sempre letto in volto oltre alla tenerezza per la di lui figliuola una grande intelligente e quell'ironia un po' scettica che la contraddistingue, o signora... ha ragione: è ora che il mio WC si intasi di fumetti... di indugiar non è più tempo...

    RispondiElimina
  5. https://mail.google.com/mail/?ui=2&ik=d6fab97906&view=att&th=126d1caed20b1199&attid=0.1&disp=inline&realattid=f_g5pamy6c0&zw

    RispondiElimina
  6. Grazie per avermi ridato un pò di fiducia nel genere femminile :)

    RispondiElimina